Consiste in una serie di sostanze chimiche (per lo più acidi) che si usano per ottenere un’esfoliazione dell’epidermide (strato superficiale della pelle) in modo più o meno delicato e progressivo. E’ indicato per il trattamento di acne lieve-moderata, discromie, foto e crono invecchiamento, cicatrici superficiali. Zone trattate: viso, collo, decollete, mani.
Il peeling chimico consiste nella rimozione controllata dei differenti strati cutanei ottenuta mediante l’apposizione sulla cute dell’area da trattare di differenti tipologie di acido. L’obiettivo è quello di ottenere,attraverso un rinnovamento delle varie componenti, una cute rimodellata, migliorata nel suo aspetto e nei suoi parametri fondamentali.

Il peeling chimico crea evidenti cambiamenti nella pelle attraverso tre meccanismi d’azione:
  • stimolazione del turnover cellulare attraverso la rimozione delle cellule morte dello strato corneo,
  • eliminazione di cellule epidermiche danneggiate e degenerate, che saranno rimpiazzate da cellule epidermiche normali. Questo risultato sarà particolarmente evidente nel trattamento delle cheratosi attiniche e delle pigmentazioni anomale.
  • introduzione di una reazione infiammatoria con attivazione dei mediatori dell’infiammazione, con attivazione la produzione di nuove fibre di collagene e di glicosaminoglicani (meccanismi rivitalizzanti del derma).

Ciò che otterremo sarà in definitiva una pelle più soffice, uniforme, luminosa, ristrutturata nella sua intima architettura, di pari ad un miglioramento dei suoi parametri fondamentali, il pH e l’idratazione.
E’ questo il concetto moderno di peeling; eseguendo varie sedute di peeling superficiali o di media profondità otterremo, attraverso un risultato cumulativo, risultati estetici eccellenti e duraturi senza rischi di effetti indesiderati.

Si potranno dunque trattare quadri di:
  • fotoinvecchiamento di diversa entità,
  • tutti i quadri che abbiano sede esclusivamente epidermica come le cheratosi attiniche,
  • acne in fase attiva e relativi esiti cicatriziali,
  • cicatrici di differente natura, comprese le striae distensae,
  • le iperpigmentazioni, discromie, melasma gravidico,
  • dermatite seborroica.